Loser – Cuore di Carta – l’intervista

data:

categoria: blog, Putsch Records

E’ uscito a metà novembre 2020 il singolo di Loser “CUORE DI CARTA”, su label Putsch Records. Abbiamo fatto una chiacchierata con Loser circa la sua ultima uscita discografica.

Ciao Loser, è appena uscito CUORE DI CARTA, il tuo primo singolo con Putsch Records. Ce ne vuoi parlare?

cuore di carta

Ciao, Cuore Di Carta, come il 90% dei brani che scrivo, è un pezzo personale, che punta ad arrivare all’ascoltatore attraverso il testo che racconta di esperienze che sono alla portata di tutti, e quindi è facile l’immedesimazione. Qui parlo di una delusione, che è più o meno il motore di tutta la musica che faccio, ma trattata con rassegnazione e accettazione.  E’ il racconto di qualcosa che prima o poi affronteremo o abbiamo affrontato tutti nella vita, la spiegazione di una teoria che a me piace chiamare “ciclo del dolore” :  l’essere umano è un animale complicato, succube delle emozioni, vive di sentimenti e non importa quanto sia forte o quanto abbia superato una delusione, tornerà a rifare gli stessi errori e a cascarci di nuovo.

Ho prodotto Cuore di Carta, e dieci anni fa sono stato il tuo prof di Italiano alle scuole medie. Com’è stato lavorare con un tuo ex insegnante in un ambito così diverso da quello scolastico?

Ci siamo conosciuti quando ero un bambino insicuro e pieno di complessi, sei stato una delle figure chiave per la mia crescita umana, un modello positivo da seguire in mezzo a un mare di modelli negativi, ci siamo ribeccati dieci anni dopo in studio per fare musica, dopo che aveva ascoltato un po’ di miei provini e devo dire che si è venuta a creare una bella atmosfera, ci siamo sempre mostrati sicuri di quello che volevamo fare, i nostri pensieri viaggiavano nella stessa direzione, quindi è stato semplice lavorare insieme. Mi faceva strano pensare che il mio produttore sarebbe stato un mio ex insegnante, ma poi le cose sono diventate subito “normali” anche perchè sono abituato a lavorare con amici, e tu anche da insegnante sei sempre riuscito a instaurare un rapporto di amicizia e di stima con i tuoi alunni, me compreso.

Ci parli un po’ più ampiamente del tuo progetto musicale? Perchè Loser? Cosa hai perso, o cosa hai paura di perdere? Quali sono i musicisti che hanno influenzato la tua crescita personale?

Loser perchè fin da ragazzino – anche nei giochi tra amichetti – ero sempre quello che perdeva! Ma allo stesso tempo spero che il progetto Loser possa essere questa volta vincente! Con il tempo ho sviluppato un concetto di musica che consiste nel mettere la mia persona, le mie esperienze, la mia vita in ogni pezzo, così da poter incidere parti di me nel tempo, per poter rimanere nel tempo, perchè la musica ha questo dono fantastico, non muore mai. E poi tralasciando questo lato un pò egoistico, mi piace anche pensare che un giorno le mie parole possono essere di conforto per qualcuno, come succede a me ascoltando alcuni pezzi di artisti che sento vicini a me. I musicisti che hanno influenzato e influenzano la mia crescita personale sono spesso le persone stesse con cui ho collaborato,  perchè sono nel mio mondo ma possono avere a volte dei pensieri diversi dai miei, e il confronto, l’ accettazione e l’ elaborazione dei vari punti di vista sono alla base di ogni crescita personale, secondo me.

Quali sono i tuoi progetti futuri? Come stai affrontando dal punto di vista creativo la pandemia che tutti stiamo vivendo?

Ho vari pezzi in cantiere, mi piacerebbe lavorare a un progetto più sostanzioso dei singoli, ma c’è ci un tempo per ogni cosa e sicuramente ho ancora molto tempo da dedicare alla mia crescita musicale. In ogni caso ho talmente tanta roba in mano che rimanere inattivi sarebbe quasi impossibile. Con la pandemia c’era il rischio di frenarsi dal punto di vista creativo, ma allo stesso tempo mi sono adattato, curando di più  l’aspetto melodico dei miei testi, quindi tutto sommato va bene. Mi sono adattato anche comprandomi dell’ attrezzatura per l’ home recording, così da rimanere attivo il più possibile: Cuore di Carta è stata appunto registrata in remoto, e visto il risultato direi che sono felicissimo!

Altro sull'argomento:
  1. Le due cose più importanti nel tuo studio
  2. Treni, il nuovo singolo di Turco – Un’intervista
  3. Turco – TRENI, il singolo in esclusiva su Rockit.it
  4. Non Giovanni – Stare Bene – l’intervista
  5. Come preparare una canzone per il mixing in 10 passi